domenica 8 febbraio 2015

Torta al semolino e uvetta (senza burro)


Da piccola passavo gran parte dei pomeriggi con la nonna paterna, la stessa nonna da cui ho appreso le ricette dei TORTELLI DI ZUCCA e dei MALFATTI AGLI SPINACI.
Una donna dalla tempra rara, una persona buona come poche e senza dubbio un'ottima cuoca. Ma se le sue tagliatelle, le sue lasagne e i suoi brasati erano e sono dei pilastri di bontà, questi piatti non hanno mai avuto dei corrispettivi dolci. 
Le mie merende dalla nonna erano sostanzialmente due: pane, burro e zucchero da una parte e mela (manco a dirlo) con lo zucchero dall'altra. 
Crescendo però le cose sono cambiate e allora, un po' a malincuore e con un'immancabile dose di nostalgia, ho cominciato a togliere lo zucchero dalla mela, dal pane, dal caffè, dal the. Ovunque. Per non parlare del burro. 
Ma dal momento che la nostalgia per i sapori d'infanzia risulta essere un denominatore comune di ogni adulto (non potendo proporvi una ricetta per preparare pane, burro e zucchero) vi presento questo dolce che nasce per sopperire proprio alla nostalgia del mio lui per una delle sue merende d'infanzia: il semolino cotto con latte e zucchero. 
La prima volta che me ne parlò ne rimasi incuriosita, io che il semolino l'avevo sempre e solo assaggiato sotto forma di gnocchi alla romana. Così, con tutto l'entusiasmo proprio di un bambino, un giorno me lo preparò. 
Una polenta dolce. 
Al secondo cucchiaino mi arresi, ma la delusione che gli lessi negli occhi mi strinse il cuore.
Così è nata l'idea di questo dolce. Un dolce nostro, che fosse un punto d'incontro tra i suoi e i miei gusti. Ancora uvetta quindi, ma in una versione dolce senza burro!



Ingredienti
120 gr di semolino
200 gr di ricotta
100 gr di zucchero grezzo di canna
1/2 litro di latte (io senza lattosio)
1/2 baccello di vaniglia
2 uova
50 gr di uvetta
1 limone (serve solo la scorza)
Acqua calda oppure un liquore a piacere
Zucchero a velo q.b.



Procedimento
Anzitutto mettete ad ammollare l'uvetta. Io ho optato per della semplice acqua calda, ma volendo potete utilizzare un liquore a piacere.


Procedete mettendo a scaldare il latte con il baccello di vaniglia inciso a metà nel senso della lunghezza. Dopo poco eliminate la vaniglia, versate il semolino a pioggia mescolando con una frusta e fate cuocere per alcuni minuti fino a che il composto si sarà leggermente rappreso. A questo punto togliete il composto di latte e semolino dal fuoco e lasciatelo raffreddare. 


A parte mescolate le uova con lo zucchero, la ricotta e la scorza del limone grattugiata. Una volta freddo, unite il composto di semolino alla mousse di ricotta e uova mescolando con una frusta elettrica in modo da far amalgamare tutti gli ingredienti.
In ultimo aggiungete l'uvetta scolata e strizzata, mescolate e versate tutto in una teglia di circa 24 cm di diametro. Cuocete la torta in forno per 30 minuti a 180°C. 
Una volta cotta, estraetela dal forno, lasciatela raffreddare e spolveratela con dello zucchero a velo.


Alla prossima ricetta!


SHARE:

26 commenti

  1. anch'io sono molto legata ai sapori della mia infanzia in quanto per me rivestono un valore affettivo enorme per quanto dal punto di vista calorico...oggi sono improponibili...ma ogni tanto uno strappo alla regola non fa male a nessuno, anzi, a mio parere ci fa tare meglio:)).
    Questo dolce al semolino dev'essere davvero squisito: il suo aspetto è magnifico, perfetto e davvero invitante:)) ho l'acquolina solo a guardare la foto che rende in pieno l'idea della sua bontà,bravissima, complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosy!
      Questo dolce è stata una vera sorpresa di gusto e dolcezza...a me è piaciuto davvero molto!
      Ti ringrazio molto per tutti i complimenti!
      A presto ;)
      Chiara

      Elimina
  2. Ricetta deliziosa ^_^ !
    Volevo farti i complimenti per il tuo splendido blog al quale mi sono appena unita per non perdere di vista alcuna novità culinaria ^_^
    Se ti va di passare dalla mia neo pagina mi trovi su scrignodidelizieglutenfree :)
    A presto
    Mariagrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariagrazia!
      Grazie per essere passata di qui ed esserti unita al gruppo!
      Il blog non è molto attivo in questo periodo ma nel frattempo vado a leggermi le tue ricette gluten free! ;)

      Elimina
  3. Arrivo ora dal blog di Chiara , è un piacere fare la tua conoscenza . Complimenti per questo favoloso dolce, le ricette legate all'infanzia restano sempre nel cuore e fanno sempre parte della nostra storia. Un saluto, Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, piacere mio!
      E' sempre bello fare nuove conoscenze "culinarie"!
      A presto
      Chiara

      Elimina
  4. Non l'ho mai assaggiata, ma ha un dolcissimo aspetto
    Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mila,
      a me è piaciuta molto questa combinazione di gusto e consistenze.. te la consiglio!
      Grazie per i complimenti! :D

      Elimina
  5. una vera bontà! anche io da bambina mangiavo pane burro e zucchero, quanto era buono! arriva qui grazie a Chiara de La voglia matta! mi sono iscritta tra i tuoi lettori! non voglio perderti, ho intravisto delle cosette davvero interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra, grazie per esserti aggiunta!
      Faccio ora la tua conoscenza e vado subito a scoprire il tuo blog. ;)
      A presto
      Chiara

      Elimina
  6. Questo dolce mi sembra un ottimo compromesso. Dall'aspetto sembra morbido e delizioso e sono sicura che mi piacerebbe molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      Si questa torta è morbida ma allo stesso tempo soda. Un boccone tira l'altro insomma... te la consiglio! ;)

      Elimina
  7. ti conosco grazie a Chiara e colgo l'occasione per farti i miei complimenti. Buona serata,

    RispondiElimina
  8. Veniamo qui tramite Chiara dopo aver letto la tua interessante intervista :)
    Molto originale questa torta, è da un po' che abbiamo in mente di provare il semolino in un dolce!
    Complimenti per il tuo blog , davvero bello!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ragazze, piacere di conoscervi!
      Ricambio i complimenti e vi ringrazio per esservi aggiunte.
      A presto
      Chiara

      Elimina
  9. Ho scoperto i dolci al semolino qualche tempo fa e me ne sono subito innamorata. Quel sapore buono dei dolci semplici di una volta. Complimenti per il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Laura!
      Forse è esattamente questo il segreto della bontà di questo dolce... essere un comfort food per eccellenza!
      A presto
      Chiara

      Elimina
  10. Ciao Chiara.. arrivo dritta dritta dal blog di Chiaretta... complimenti per il tuo.. e per questa ricetta... semolino e ricotta assieme una vera bontà!!!! baciotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia, grazie per i complimenti e piacere di conoscerti!
      Si si il semolino e la ricotta sono una combinazione vincente, da provare anche in varianti più golose... magari sostituendo l'uvetta con delle gocce di cioccolato!

      Elimina
  11. molto interessante questa versione di torta al semolino

    RispondiElimina
  12. sono molto felice che tante amiche siano passate a conoscerti, continua così, un abbraccio !

    RispondiElimina
  13. Quanto sono golosa di semolino Chiara mia, forse per questa infanzia mai avuta..ma la tua ricetta mi incanta più di una torta a sette piani fatta dal miglior chef.
    E mi sono iscritta con infinito piacere, sperando pure in u tuo gradito ricambio...
    Un abbraccione e grazie!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
  14. Salve Chiara complimenti per il blog, mi sono unita ai tuoi lettori, se ti va passa da me!

    RispondiElimina
  15. Esta combinación es exquisita se ve muy linda me encanta,abrazos

    RispondiElimina

© IL SAPORE DEL SALE. All rights reserved.
Blogger Templates by pipdig